servizio civile universale paola e giacomo romania

Ad esperienza conclusa, Paola Gagliardi e Giacomo Carlini, volontari per il Servizio Civile Universale 2019-2020 con Punto Missione in Romania, presso Curtea Culorilor, condividono alcune riflessioni sulle esperienze vissute, sul senso di questo percorso di volontariato, sul ciò che ha lasciato loro il servizio svolto nel progetto avviato da Punto Missione nella piccola comunità di Sarbova, a Timioşara.
Buona lettura!

servizio civile romania curtea culorilor paola e giacomo
PAOLA GAGLIARDI
«Spiegare le sensazioni del mio ritorno non mi è ancora facile perché in realtà non sono riuscita ancora a metabolizzare tutto quello che è successo. È stato un anno di incontri, di sorrisi, di difficoltà, di confronti; un anno di crescita sotto tutti i punti di vista.

Non dimenticherò mai la difficoltà di imparare cose nuove, come fare i formaggi o piantare pomodori, e allo stesso tempo non dimenticherò la soddisfazione che ho provato nel vedere i primi pomodori che crescevano e le prime ricottine fatte da me!
Non dimenticherò la felicità che ho provato nel vedere Dorian [figlio di Roza, una delle tre donne rumene accolte e coinvolte nelle attività di Curtea Culorilor, ndr] muovere i suoi primi passi, le sere passate a chiacchierare guardando le stelle e tutte le pause caffè fatte fra un lavoro e l’altro.

Il servizio civile è un’esperienza che ti mette alla prova, che ti pone davanti ai tuoi limiti e che ti fa prendere consapevolezza di tutto ciò che sei davvero. Ti fa conoscere realtà che sono spesso sconosciute e sottovalutate, ti fa capire ancora di più che al mondo non siamo soli e che il confronto con l’altro è l’unico modo per imparare a guardare il mondo da altre prospettive e ad avere rispetto anche per tutto ciò che è lontano da noi. Tutti dovrebbero intraprendere questa scelta!».

Scopri di più sui progetti di Punto Missione e parti con noi!
Vai alla sezione Servizio Civile Universale

 

servizio civile universale romania curtea paola e giacomo

GIACOMO CARLINI
«Ho svolto il mio Servizio Civile a Sarbova (Romania) nel progetto Curtea Culorilor, gestito da Adriana e in cui sono accolte Gabriela, Petronela, Roza e il suo bambino. Per raccontare brevemente la mia esperienza prendo in prestito un gioco che abbiamo fatto durante la giornata finale a Brescia assieme agli altri ragazzi che hanno svolto il Servizio Civile in giro per il mondo: pensando all’anno appena vissuto, dovevamo scegliere una parola da mettere in valigia per portarcela sempre con noi; una da mettere sul comodino da riguardare ogni tanto, magari in qualche momento di nostalgia; e una da mettere nel cestino, da dimenticare per sempre.
Voglio condividere con voi le mie scelte.

Nella valigia ho messo RELAZIONI. Quest’anno a Sarbova è stato un anno di conoscenza degli altri e di me stesso. Trovarsi in un ambiente nuovo, lontano dalle solite conoscenze (la mia famiglia, i miei amici), è sicuramente molto impegnativo e richiede molto lavoro, ma permette di conoscersi a fondo e di creare relazioni vere. I rapporti che ho creato in quest’anno con Adriana, Gabriela, Petronela, Roza e il suo bambino, e con Paola la mia compagna di Servizio Civile mi hanno fatto crescere tanto e li porterò sempre con me. Se applichiamo una semplice proporzione con loro ho vissuto il 5 % della mia vita.

Nel comodino ho messo FOTO. In questi giorni il telefono mi avverte con “Un anno fa hai scattato questa foto”, “Un anno fa eri in quel posto”… Queste foto mi ricordano tutto l’anno che ho vissuto a Sarbova. Più di qualche volta, in certi momenti nostalgia, ho aperto la cartella delle foto per rivivere alcuni momenti: i compleanni, i progressi del bambino, le attività dell’orto e del caseificio…. Meno male che a volte nella raccolta compaiono certi primi piani improbabili e così la nostalgia svanisce!

Nel cestino ho messo NIENTE. Dire che è stato tutto perfetto sarebbe da ipocriti: è normale che in un anno ci siano stati momenti negativi. Ma credo che non vada buttato via niente, altrimenti si perde l’occasione di comprendere e di migliorare. Anche le esperienze brutte insegnano e aiutano a crescere».

Romania
servizio civile
volontariato internazionale
Tutte le News

Parliamo di Romania, servizio civile, volontariato internazionale anche qui

I racconti dei volontari, le testimonianze, gli aggiornamenti dai progetti in corso e tutte le iniziative legate al territorio.