PM_copertina_punto missione unicredit famiglie brescia
Guardare a chi è nel bisogno

Proprio in occasione della celebrazione della giornata mondiale che Papa Francesco ha voluto espressamente dedicare ai poveri – domenica 15 novembre 2020 – si è concretizzata la collaborazione tra l’Associazione Punto Missione onlus e la banca UNICREDIT che ha recentemente deliberato un contributo di sette mila euro per sostenere, nell’ambito del programma “Carta Etica”, un progetto per finanziare l’acquisto di derrate alimentari e generi di prima necessità destinati a famiglie bisognose del Comune di Brescia colpite da una crisi economica già presente e che ha assunto contorni ancora più gravi a causa della crisi sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19.

«“Tendi la tua mano al povero” (cfr. Sir 7,32). La sapienza antica ha posto queste parole come un codice sacro da seguire nella vita. Esse risuonano oggi con tutta la loro carica di significato per aiutare anche noi a concentrare lo sguardo sull’essenziale e superare le barriere dell’indifferenza. La povertà assume sempre volti diversi, che richiedono attenzione ad ogni condizione particolare».
Con queste parole inizia il messaggio che Papa Francesco ha voluto indirizzare, certamente ai cristiani, ma anche a tutti gli uomini di buona volontà nella IVa giornata mondiale dei poveri.

Una giornata che quest’anno assume un valore particolare nel pieno della pandemia da Covid-19: milioni di persone chiuse in casa, fabbriche, uffici, scuole chiuse, ospedali al collasso e, purtroppo, migliaia e migliaia di vittime che assumono il volto di un familiare, di un amico, di un conoscente e che lascia molti nel dolore e nello sgomento e tutti più soli.
La realtà dell’ “imprevedibile” ha messo a nudo la verità della nostra vita rendendo evidente la necessità di farsi carico gli uni degli altri e facendo l’esperienza concreta del fatto che ciascuno può fare la differenza, per sé e per gli altri, soprattutto i più deboli.

punto missione unicredit famiglie brescia distribuzione alimentare

È certamente questa assunzione di responsabilità che ha mosso Camilla Serramondi, avvocato civilista di 41 anni, che, perso nell’aprile scorso a causa del terribile virus il padre Claudio di 71 anni, una vita di lavoro passata all’UniCredit prima della pensione, non si è persa d’animo pensando da subito cosa poteva fare per gli altri, distribuendo da subito mascherine nel quartiere San Polo di Brescia dove vive, ma facendosi anche interprete delle gravi conseguenze economiche e sociali causate dall’attuale crisi sanitaria che fa scrivere alla Caritas Italiana nel suo ultimo Rapporto 2020, che si sta andando verso una nuova fase di “normalizzazione” della povertà.

La sua preziosa collaborazione ha infatti permesso di mettere in relazione una iniziativa benefica di UniCredit – che con il Progetto “Carta Etica” prevede che, grazie alle carte di credito a contribuzione Etica (UniCreditCard Flexia Etica, Business Etica e Visa Infinite Etica) i clienti della banca possono contribuire a fare beneficenza con il semplice utilizzo delle carte e senza alcun costo aggiuntivo, rinunciando la banca ad una parte delle commissioni per alimentare un fondo destinato a sostenere diverse iniziative di solidarietà – con la presenza attiva sul territorio dell’Associazione Punto Missione onlus che da oltre vent’anni opera a favore di persone e comunità in difficoltà in alcuni Paesi del mondo, oltre che in diverse zone d’Italia e a Brescia in particolare.

Articolo Corriere della sera punto missione unicredit distribuzione alimentare famiglie brescia 15112020

Articolo da Corriere della Sera, 15/11/2020.

Dalle vive parole del direttore di Punto Missione, Michele Brescianini, il racconto delle modalità con cui quest’opera di solidarietà verrà realizzata e si dispiegherà da subito e nei prossimi mesi: «Grazie al contributo di Unicredit potremo aiutare concretamente altre dieci famiglie del territorio bresciano, che si aggiungono a quelle che già abitualmente sosteniamo con la nostra associazione.
Con tale contributo verranno acquistati e distribuiti alle famiglie in difficoltà beni di prima necessità oltre a dispositivi di protezione individuale, oggi più che mai necessari; le famiglie poi saranno supportate anche in un percorso personale per consentire loro di riacquistare quell’autonomia che avevano in precedenza e che è andata perduta anche a causa di questa crisi sanitaria ed economica che ci vede purtroppo tutti coinvolti».

I ringraziamenti all’attenzione solidale di UniCredit e nello specifico, al solerte e concreto impegno del suo management, nelle persone del Dott. Raimondo Garra, del Dott. Bruno Visioli e del Dott. Alessandro Rossi, non sono certo di circostanza, ma dalla nostra Associazione si allargano ai volontari che saranno prossimamente impegnati in questa nuova impresa e a tutte le persone, anziane e giovani, grandi e piccole, delle tante famiglie che oggi stendono la mano e trovano altre mani che le accolgono.

punto missione unicredit famiglie brescia distribuzione alimentare

 

Baule della Solidarietà
distribuzione alimentare
Italia
unicredit
Tutte le News

Parliamo di Baule della Solidarietà, distribuzione alimentare, Italia, unicredit anche qui

I racconti dei volontari, le testimonianze, gli aggiornamenti dai progetti in corso e tutte le iniziative legate al territorio.