Volontariato, la storia di Francesco

Volontariato, la storia di Francesco

L’ottava edizione della Festa Verso l’Altro, che si terrà ad Adro (BS) dal 21 al 23 settembre, sceglie come tema la strada, intesa come luogo di incontro e di cammino condiviso. Non poteva mancare, quindi, un incontro dedicato alle esperienze dei volontari che in questi anni sono partiti verso terre lontane per portare il proprio aiuto nei progetti di Punto Missione.

LEGGI ANCHE: Il programma completo della Festa Verso l’Altro 2018

“Volontariato internazionale: incontro di racconti”, che si terrà domenica 23 settembre alle 17.00 presso la Scuola Madonna della Neve, sarà l’occasione per ascoltare storie di giovani volontari come Francesco, che negli ultimi anni ha deciso di partire come volontario in Romania con l’associazione Comunità delle Laste di Trento. Di seguito possiamo leggere la sua testimonianza.

L’incontro di domenica “Volontariato internazionale: incontro di racconti” è nato dalla collaborazione di vari volontari che questa estate hanno fatto esperienze di volontariato in Romania e in Colombia, donando tempo ed energie a queste opere missionarie tramite l’associazione Comunità Madonna delle Laste che, in collaborazione a Punto Missione, vuole rendersi attiva nel panorama trentino della solidarietà internazionale.

Durante l’incontro di domenica 23 settembre ci sarà la possibilità di ascoltare testimonianze e racconti che cercheranno far assaporare agli ascoltatori il clima e le energie che si instaurano in queste esperienze.

La mia esperienza con la terra romena è cominciata 3 anni fa con la prima tabara, termine rumeno per indicare un grest estivo. Questa prima esperienza, in sole due settimane, ha fatto sbocciare dentro di me il desiderio di missione che già da alcuni anni stava crescendo. L’anno dopo sono tornato e in quell’occasione ho finalmente maturato la scelta di partire per un tempo più lungo: volevo vivere la fatica e la bellezza della quotidianità fatta straordinarietà in questo luogo che mi aveva rapito. 

Sono partito con la speranza di cambiare il mondo, di salvarlo dalle ingiustizie, dalla falsità, dall’egoismo. Alla fine sono tornato consapevole di aver fatto poco, ma di aver amato con tutte le mie forze

Il titolo di questa edizione della festa è “Strade Verso l’Altro”. La strada è un concetto a me molto caro: per me la strada è il luogo della fatica, è il luogo dove si scopre l’essenzialità, dove gli incontri sono veri, sinceri. Lungo la strada è possibile scoprire se stessi, conoscere le debolezze dell’altro e scoprire il Volto di Dio.

La strada esige pazienza, progettualità, costanza ed impegno. Ti può portare in salita o in discesa, ti dona compagni di viaggio e momenti di solitudine, ti obbliga a scegliere davanti ad un bivio.

Per me la strada è il luogo del servizio e della missione.

Dopo l’incontro “Volontariato internazionale: incontro di racconti” sarà possibile informarsi sui progetti di Punto Missione in Italia e all’estero, ai quali i giovani tra i 18 e i 29 possono partecipare tramite il bando del Servizio Civile Nazionale.