PERCHÉ LA FATTORIA MONTE CARMELO PUÒ CAMBIARE IL FUTURO DEI GIOVANI COLOMBIANI

PERCHÉ LA FATTORIA MONTE CARMELO PUÒ CAMBIARE IL FUTURO DEI GIOVANI COLOMBIANI

Punto Missione sostiene da diversi anni le Città di Dio in Colombia, e in particolare la fattoria didattica Monte Carmelo, un progetto nato nel 2004 per accogliere e formare giovani che vivono in aree rurali ed arretrate del Paese, dando loro strumenti utili alla propria crescita personale e a quella della comunità nella quale vivono.

PERCHÉ LA COLOMBIA HA BISOGNO DEL TUO AIUTO?

Oggi la Colombia è un Paese in via di transizione da una fase violenta e sanguinosa, durata più di 50 anni, a una fase pacifica iniziata nel 2016, quando il governo colombiano e le FARC (forze armate rivoluzionare colombiane) hanno annunciato la firma del tanto sperato accordo di pace che sancisce un definitivo cessate il fuoco bilaterale di conflitto interno.

Un conflitto che ha causato circa 250mila vittime e più di 5 milioni di colombiani rifugiati interni al Paese, i cosiddetti desplazados.

Anche il territorio di Norcasia, dove oggi opera Punto Missione, è stato sotto il controllo di gruppi paramilitari fino al 2006. Gran parte dei terreni, in quegli anni, venne convertita alla coltivazione di coca: se ne produceva così tanta che il surplus si vendeva in paese. Questo causò un aumento esponenziale del consumo di droga tra giovani e adulti. Nel frattempo i giovani campesinos (contadini) venivano reclutati nei gruppi paramilitari in cambio di soldi e protezione per le famiglie.

fattoria monte carmelo norcasia colombia

I GIOVANI E IL FUTURO DELLA TERRA

Nel 2006 arrivò l’ordine di “eradicazione” delle coltivazioni di coca da parte del governo. I campesinos si ritrovarono, dall’oggi al domani, a dover convertire le proprie coltivazioni dalla coca in prodotti che avevano bassissima resa, senza calcolare che il processo di estirpazione e di riconversione del terreno era lungo e complicato. Molti contadini lasciarono così la terra ed emigrarono verso la città, mentre altri convertirono i terreni in pascolo da destinarsi all’allevamento, oggi la prima fonte di guadagno a Norcasia.

LA MAGGIORANZA DELLA POPOLAZIONE DI NORCASIA È COSTITUITA DA PERSONE DI ETÀ COMPRESA TRA I 15 ED I 44 ANNI, SONO CIRCA 1500 GLI ADOLESCENTI CHE HANNO DA POCO CONCLUSO GLI STUDI E HANNO IL DESIDERIO DI INTRAPRENDERE UN’ATTIVITÀ LAVORATIVA.

Di fatto però, le opportunità sono piuttosto scarse e molti giovani non hanno nemmeno una formazione specifica che possa aiutarli nella ricerca di un impiego, fattore che sino a poco tempo fa induceva molti di essi ad unirsi ai gruppi para-militari come alternativa al lavoro.

Tra questi non mancano giovani provenienti da famiglie di desplazados, popolazione ad “alto rischio” per ciò che riguarda la salute psicologica e fisica. Orfani almeno di un genitore o separati forzatamente dagli stessi, hanno visto le loro case distrutte e la famiglia disgregata; spesso trasferiti da una realtà ad un’altra hanno subito forme di abuso fisico e psicologico. Costretti a vivere con genitori spesso disoccupati o semi-disoccupati divenuti vittime di alcolismo e quindi fautori di violenza domestica.

LA QUESTIONE AMBIENTALE

Una decina di questi ragazzi sono accolti nella Città Di Dio di Norcasia e partecipano attivamente alle attività formative condotte all’interno della Fattoria Didattica Monte Carmelo, creata e gestita da Punto Missione a scopo didattico-formativo.

I giovani che scelgono di restare a Norcasia e di non emigrare verso le città sono per la maggior parte impiegati in agricoltura; il 60% della popolazione di Norcasia lavora nel settore agro-zootecnico e godrebbe certamente della crescita formativa delle nuove generazioni specialmente per quanto riguarda l’introduzione di tecniche di produzione più efficienti e volte alla salvaguardia dell’ambiente.

Molte coltivazioni condotte nell’area di intervento prevedono infatti un utilizzo massiccio di fertilizzanti chimici e anticrittogamici che, oltre a provocare evidenti danni per la salute dell’uomo e degli animali, causano il progressivo avvelenamento dei suoli, delle acque sotterranee e di superficie.

In tutta la Colombia in questo momento è in corso una vera e propria emergenza ambientale causata dall’assenza di controllo su miniere illegali e narcotraffico che acuiscono il problema della deforestazione. La costruzione di una coscienza ambientale, che si preoccupi della salvaguardia del patrimonio naturale presente e futuro, è ancora in una fase iniziale e ha bisogno di essere costantemente incentivata.

IL PROGETTO DELLA FATTORIA DIDATTICA MONTE CARMELO

La Fattoria didattica Monte Carmelo ha contribuito ad innescare questo processo nel territorio di Norcasia ed è fortemente determinata a proseguire verso la costruzione di una coscienza ambientale tra gli abitanti di Norcasia e a potenziare il suo raggio d’azione a tutta la regione.

Fattoria didattica Monte Carmelo

Il principale obiettivo è quello di formare le giovani generazioni ad un modo diverso di fare agricoltura e allevamento affinché possano continuare a vivere nel proprio territorio imparando a sfruttarne le risorse in maniera più produttiva e più sostenibile.

Per questo all’interno della fattoria, oltre alle consuete attività agricole e all’allevamento di galline ovaiole, si sta avviando un’attività di trasformazione degli alimenti che si concentrerà sulla filiera agroalimentare del latte e del cacao e che mostrerà ai giovani come sia possibile unire le forze per avviare un’attività redditizia che possa lavorare, trasformare e commercializzare il latte dei produttori locali di Norcasia ovvero delle proprie famiglie.

Per sostenersi, in tutto questo processo, la Fattoria Monte Carmelo necessita ancora di un supporto esterno in quanto impiega la maggior parte dei propri introiti nell’auto-sostentamento e nelle attività formative, che ad oggi vengono erogate gratuitamente. Oggi impiega un coordinatore agronomo, 2 giovani agricoltori che hanno completato gli studi presso la Città di Dio e sono in età lavorativa, e una contabile.

Per garantire la continuazione e lo sviluppo di un’opera tanto importante per il territorio di Norcasia, ormai punto di riferimento per le giovani generazioni, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.

COME AIUTARCI?

Se vuoi sostenere il progetto della Fattoria Monte Carmelo e offrire un futuro migliore ai giovani agricoltori colombiani, può scegliere tra una donazione libera o un regalo solidale:

DONA ORA: con bonifico, bollettino postale o paypal

#ScelgoCorazon: Corazón è un Franciacorta dal cuore buono: un regalo solidale che sostiene le attività della Fattoria Monte Carmelo.